News
Lameplast lancia il nuovo strip monodose con ampia area personalizzabile
Un nuovo strip monodose che lascia ancor più spazio alla personalizzazione. È la novità di Lameplast Group che, per rispondere alle nuove esigenze di mercato e alle sempre più rigorose normative internazionali, lancia il monodose con maggiore spazio a disposizione per la stampa e l’inserimento di informazioni sul prodotto.

In Europa e negli Usa le nuove normative richiedono, infatti, la presenza di informazioni relative al prodotto su ogni singolo contenitore in aggiunta a quelle comunemente indicate sulla confezione e/o su foglietti illustrativi. Un modo per aumentare la sicurezza del prodotto rendendolo sempre riconoscibile, anche se il monodose è conservato senza confezione.

L’evoluzione dello strip monodose, il contenitore altamente innovativo creato da Lameplast, dunque non si ferma. Grazie ai suoi 40 anni di esperienza e alla continua ricerca tecnologica, l’azienda modenese ha sviluppato un nuovo sistema di chiusura brevettato ad ampia area, che permette di offrire informazioni facilmente leggibili senza compromettere la praticità e semplicità d’suo del sistema di erogazione monodose.

Le principali innovazioni:
• ampia area personalizzabile su entrambi i lati del tappo in grado di ospitare un grande numero di informazioni (composizione, posologia, data di scadenza e/o altre indicazioni d’uso);
• possibilità di ospitare data matrix/QR code su ciascun monodose;
• vasta gamma di personalizzazioni possibili: etichette, tasselli in rilievo, tampografia o stampa ad ink-jet;
• i due lati del tappo possono essere personalizzati utilizzando due tecniche diverse (ad esempio: etichetta su un lato e tassello sul lato opposto) per soddisfare tutte le esigenze di marketing;
• massima protezione del prodotto: nessun rischio di migrazione di inchiostro o adesivo attraverso la plastica;
• design ergonomico appositamente studiato per garantire le stesse qualità dei comuni monodose (praticità, massima igiene, semplicità di apertura e utilizzo);
• Ingombro volumetrico ridotto del 20% rispetto a contenitori aventi pari capacità contenitiva;
• il ridotto volume del tubo consente un significativo risparmio nei costi di stoccaggio.
• grande gamma di utilizzi per prodotti farmaceutici, dispositivi medici, diagnostici, cosmetici, veterinari, alimenti e integratori alimentari.


Mediterranea di Fratelli Carli sceglie il monodose green di Lameplast Group per la nuova linea “Olive”
 
Il futuro del packaging è sempre più verde e pratico. Ecco perché il brand Mediterranea di Fratelli Carli ha scelto il monodose a iniezione in Polietilene Verde (Bio PE) di Lameplast Group per la nuova linea cosmetica “Olive”.

L’azienda modenese ha realizzato per il brand uno strip da cinque contenitori monodose richiudibili da 10 ml di colore bianco, stampati con bioplastiche di origine vegetale e personalizzati con tampografia. Si tratta di un kit da viaggio con cinque diversi prodotti: latte tonico, crema viso multiattiva, crema mani attiva, fluido corpo idratante e crema da bagno.

La nuova linea “Olive” di Mediterranea fonde l’esperienza di Fratelli Carli alle eccellenti proprietà cosmetiche dell’albero di Olivo e dei suoi estratti proponendo prodotti ad immediato assorbimento, con un’efficace azione anti-età e una gradevole piacevolezza sensoriale. La natura dà una mano alla bellezza, ma deve essere rispettata. Ecco perché il brand Mediterranea ha pensato di unire i suoi prodotti, formulati con ingredienti rigorosamente naturali, a una confezione ecologica capace di rispecchiare i valori della sostenibilità e del rispetto per la natura. Lo strip, frutto di anni di ricerche portate avanti dal Gruppo Lameplast sul packaging green, sostenibile, rinnovabile e riciclabile, è infatti ottenuto dall’etanolo ricavato dalla canna zucchero e non dal petrolio. Oggi Lameplast Group è in grado di proporre un’intera gamma di contenitori realizzati in bioplastica. I biopolimeri possono ora essere impiegati per la realizzazione di contenitori monodose e multidose, per alimenti, cosmetici e prodotti per la cura e la salute della persona.

Perché usare le bio-plastiche?

Vantaggi per l’ambiente, vantaggi per i progetti “green” della tua azienda. A differenza delle plastiche tradizionali, Polietilene Verde non è ottenuto dal petrolio, ma da etanolo ricavato dalla canna da zucchero. Il risultato? Una plastica unica, con stesse caratteristiche tecniche, aspetto e versatilità del polietilene tradizionale, ma molti altri punti di forza:

  1. È sostenibileLe coltivazioni di canna da zucchero utilizzate per la produzione del Polietilene Verde soddisfano i più elevati standard di sostenibilità definiti nel Codice etico di Braskem.

  2. È rinnovabile – Il Polietilene Verde è prodotto da etanolo derivato dalla canna da zucchero “no OGM” coltivata in Brasile, una materia prima rinnovabile.

  3. Riduce le emissioni di gas serra – La canna da zucchero cattura e fissa CO2 dall’atmosfera a ogni ciclo di crescita, contribuendo a contenere gli effetti negativi dei gas serra

  4. È 100% riciclabile – Il Polietilene Verde è riciclabile nella stessa catena di riciclo del polietilene tradizionale ottenuto da fonti fossili.


La Bioplastica impiegata da Lameplast Group è I’M GREENTM POLYETHYLENE di Braskem, distribuito da FKuR Kunststoff GmbH.


Lameplast, 40 anni tra ricerca e innovazione
Il 27 maggio l’azienda ha festeggiato il suo anniversario con le autorità, i clienti internazionali e dipendenti a Rovereto sulla Secchia
Venerdì 27 maggio Lameplast ha festeggiato i suoi primi 40 anni con un grande evento che ha raccolto i soci fondatori – Giovanni Ferrari, Evro Fabbri e Antonio Fontana –, le autorità, i dipendenti e i numerosi clienti internazionali nella sede a Rovereto sulla Secchia. Un appuntamento che è stata l’occasione per ricordare la nascita dell’azienda, un’esperienza che, grazie all’intraprendenza dei soci fondatori Giovanni Ferrari, Evro Fabbri e Antonio Fontana –, ha saputo portare innovazione e l’eccellenza del Made in Italy nel mondo.

 
 
In mattinata, dopo il saluto del presidente di Lameplast, sono intervenuti il presidente della Regione Stefano Bonaccini, il sindaco di Novi di Modena Luisa Turci, il presidente di Confindustria Modena Valter Caiumi e il sindaco di Sant’Agata Bolognese Giuseppe Vicinelli.

 
 
 
“Siamo nati 40 anni fa – ha detto Ferrari – e per noi questa è una giornata importante. Festeggiamo una storia che sono orgoglioso di condividere con i miei soci e con tutte le maestranze. Sono passati anche quattro anni dal terremoto e oggi possiamo ben dire di essere riusciti a far fronte a questo difficile momento: dopo solo un mese dal sisma abbiamo ripreso la produzione e abbiamo continuato a credere di poter crescere”.
 

E proprio sul sisma del 2012 e sulla capacità di reazione delle aziende emiliane si è soffermato il presidente della Regione Bonaccini. “Il terremoto del 2012 – ha detto – ha colpito decine di migliaia di case, chiese, scuole, edifici pubblici e capannoni industriali. È stato il primo terremoto economico della storia d’Italia: mai era successo che in un solo territorio venissero colpite così tante imprese. Credo che Lameplast sia stata la ‘dimostrazione plastica’ di due cose: di come una piccola azienda nata nel territorio sia stata capace di essere la testimonianza diretta di quelli che sono stati definiti i miracoli emiliano-romagnoli, di un’azienda che ha saputo continuare ad essere legata al territorio, a fare le cose per bene, diventare eccellenza non solo qui ma anche nel mondo”.

 
 
 

Le autorità hanno poi visitato lo stabilimento Lameplast dove è nato il famoso contenitore monodose ad uso farmaceutico. La giornata è poi proseguita con un pranzo evento a Villa Tagliata (Mirandola) con la proiezione di un video dedicato ai 40 di Lameplast e l’intervento del presidente del Gruppo terzisti di Farmindustria Giorgio Bruno.

Futuro e innovazione: Lameplast Group apre agli investitori di Aksìa
Il fondo di private equity entra nel Gruppo: una scelta importante per estendere il progetto dell’azienda nel mondo

Per affrontare le sfide del futuro e fare un salto di qualità su scala globale, Lameplast Group si rafforza con l’ingresso del fondo di private equity Aksìa Group SGR, che ha rilevato il 100% del Gruppo. L’acquisizione interessa le tre società, ossia Lameplast, COC Farmaceutici e la controllata LF of America, divisone estera con sede a Miami.

Un passo importante per dare ulteriore slancio al Gruppo, che oggi ha prospettive di crescita ancora più ampie, capaci di abbracciare l’intero globo, ma anche una scelta in linea con i valori di imprenditorialità da sempre portati avanti dall’azienda nata e fortemente radicata nel Modenese. Alla guida del Gruppo e nel Consiglio di amministrazione rimarranno i soci fondatori Giovanni Ferrari, Evro Fabbri e Antonio Fontana. Il coraggio, la tenacia, la capacità di intuire le necessità dei tempi continuano dunque a guidare Lameplast Group verso progetti più grandi, capaci di diffondere il know-how e il Made in Italy nel mondo.

Lameplast festeggia i suoi primi 40 anni e progetta il futuro all’insegna dell’innovazione
Da Rovereto sulla Secchia al mercato internazionale, dal 1976 ad oggi la crescita del Gruppo non si è fermata neanche con il terremoto. Ora si festeggia il quarto decennale.
1976-2016: Lameplast festeggia i suoi 40 anni di attività, quattro decenni di ricerca e innovazione al servizio delle aziende farmaceutiche. Lo farà con un grande evento capace di raccontare l’esperienza di un’azienda che ha continuato a investire per costruire il futuro, nonostante la crisi e il duro colpo inferto dal terremoto nel 2012.

Oggi il gruppo, unica realtà nel panorama farmaceutico italiano in grado di fornire un servizio completo che va dal contenitore al prodotto finito, conta quattro stabilimenti produttivi, di cui uno in America, e 300 dipendenti. Nata nel Modenese nel 1976 per volontà di Giovanni Ferrari, attuale presidente del Gruppo, e dei soci Evro Fabbri e Antonio Fontana, Lameplast ha saputo rivoluzionare il mercato con l’invenzione del contenitore monodose per il settore oftalmico ed è cresciuta fino a diventare un gruppo.

Lameplast Group non ha mai voluto abbandonare la sua terra, convinta che una bella storia nasca sempre da un luogo e da una tradizione. Lo spirito emiliano, la determinazione, la condivisione degli obiettivi da parte dei dipendenti hanno giocato, da sempre, un ruolo fondamentale nella crescita dell’azienda. Lameplast festeggia i suoi primi 40 anni e si prepara a un anno di nuove sfide.

Lameplastgroup ottiene il certificato di conformità GOST-R per i contenitori monodose in Russia
Per Lameplast Group si apre un nuovo mercato: la Russia. Il Gruppo ha recentemente ottenuto il Certificato di conformità GOST-R per i contenitori monodose.

La Certificazione GOST-R è un documento che attesta che un prodotto è conforme alle normative e agli standard di qualità e sicurezza in Russia e quindi idoneo alla importazione e commercializzazione.

La “GOST-R” è un requisito obbligatorio per una vasta gamma di prodotti e apparecchiature industriali. L’ottenimento della certificazione rappresenta un grande vantaggio per Lameplast Group, il primo passo per esportare in Russia i contenitori monodose ma anche l’intera gamma dei servizi proposti.
 
Il settimanale Panorama dedica un articolo a Lameplast Group
Intervista al Presidente Giovanni Ferrari
Il numero 42 di Panorama, del 21 ottobre 2015 ha dedicato un articolo al Gruppo Lameplast. “Un movimento del polso, un po’ di pressione e la confezione di farmaco monodose si apre con una sola mano”. Così si apre il pezzo (intitolato “Monodose di successo”) che riporta un’intervista a Giovanni Ferrari, Presidente del Gruppo che nel 2016 festeggerà i 40 anni di attività. Ferrari racconta come il Gruppo – che ha un fatturato di 50 milioni di euro, conta 290 dipendenti, 3 stabilimenti e 45 linee produttive – sia riuscito a crescere costantemente grazie alla innovazione continua. “E pensare che tutto comincia quasi 50 anni fa – dichiara Ferrari a Panorama –, quando l’azienda in cui lavoravo ha chiuso e mi sono messo a fabbricare macchinari per il settore farmaceutico”. “Poi – continua Ferrari – ho scoperto che le aziende farmaceutiche avevano un gran bisogno di confezionamento in ambiente a contaminazione controllata, ma allora nessuno lo faceva”. E dopo 40 anni di attività e milioni di contenitori venduti in tutto il mondo, quale sarà la prossima innovazione? “Un materiale innovativo ad effetto barriera – conclude Ferrari”.

 
 

 
 
Nuovi prodotti per la distribuzione in Private Label
Presentati in occasione del CPHI Worldwide 2015, Madrid, 13-15 ottobre
Un autunno ricco di novità per il Gruppo Lameplast che in occasione del CPHI Worldwide (Madrid, 13-15 ottobre 2015), ha presentato il nuovo portafoglio prodotti arricchito di interessanti novità.

Sono disponibili nuovi prodotti per uso rettale e vaginale sviluppati in collaborazione con specialisti, tenendo conto delle esigenze del mercato; entrambi i prodotti sono Dispositivi Medici, contengono sostanze naturali, sono privi di principi attivi farmacologici, parabeni e profumi e disponibili in pratici ed igienici contenitori monodose in grado di assicurare una corretta e sicura applicazione del prodotto.

Anche le formulazioni per occhi si arricchiscono di nuove proposte destinate ad alleviare i disturbi legati ad arrossamenti, bruciori o occhi secco. Tutti i prodotti possono essere concessi in distribuzione e personalizzabili dal cliente. Gli stabilimenti produttivi all’avanguardia, garantiscono la massima flessibilità produttiva.

Scarica gli opuscoli


Lameplast Group unisce le forze per affrontare nuove sfide
Il presidente Ferrari: “Insieme riempiamo il futuro”

In vista del 40esimo anniversario della nascita del gruppo, dirigenza e personale si sono riuniti in una grande convention a Villa fondo Tagliata di Mirandola per condividere obiettivi e risultati. 

 

 

 

Rovereto s/S (Modena), 12 maggio 2015 – Una convention per raccogliere le energie e costruire insieme il futuro. Sabato 9 maggio, a Villa fondo Tagliata di Mirandola, Lameplast Group ha riunito i gruppi dirigenti e tutto il personale per guardare avanti, condividere gli obiettivi e il successo di quasi 40 anni di progetti e attività fondati su innovazione e qualità. Risultati resi possibili grazie al lavoro di squadra, alla capacità di condividere prospettive e risultati.

Ad aprire la convention un filmato dedicato alla storia del gruppo, subito seguito dall’intervento del presidente Giovanni Ferrari che ha ricordato come una piccola azienda di provincia sia riuscita, piano piano, a imporsi sul mercato internazionale. Era il 1 gennaio 1976 e da allora di strada ne è stata fatta.

 
 
 

Oggi Lameplast Group è capace di assicurare, in tutto il mondo, un servizio completo, flessibile e integrato per la preparazione, il riempimento e confezionamento di prodotti farmaceutici, dispositivi medici e cosmetici, dal design di un nuovo contenitore al prodotto finito.

A distanza di pochi mesi dal 40esimo anniversario, Ferrari ha anche parlato della chiave vincente per poter affrontare un mercato sempre più difficile e globale, di quanto fondamentali siano condivisione e coesione all’interno del gruppo: “Insieme riempiamo il futuro. Di fronte alle sfide future – ha detto – bisogna essere uniti, identificarsi in una squadra”.

Lameplast oggi conta 290 dipendenti e alcuni di loro – oltre ai fondatori Giovanni Ferrari, Evro Fabbri e Antonio Fontana – lavorano nel gruppo da più di 30 anni.

La parola è poi passata a Barbara Reguzzoni, responsabile Marketing del gruppo, che ha presentato le figure chiave delle tre società (Lameplast, Coc farmaceutici e LF of America) e ringraziato gli impiegati e gli operai per il loro impegno: “Questa – ha detto mentre su uno schermo scorrevano le immagini dei lavoratori – è l’energia e la forza di Lameplast”. 

Guarda il video

ARE YOU GREEN?
L’intera gamma dei contenitori Lameplast è ora stampabile in Bioplastica, ottenuta da materie prime rinnovabili

Monodose greenIl futuro del packaging? È verde! E lo è anche quello del marketing. Dopo il lancio del primo monodose a iniezione in Polietilene Verde (Bio PE), Lameplast Group è ora in grado di proporre un’intera gamma di contenitori realizzati in bioplastica, ottenuti da materie prime di origine vegetale e del tutto alternativi a quelli realizzati a partire dal petrolio.

 

Con l’utilizzo delle nuove plastiche, il Gruppo Lameplast mette a frutto lunghi anni di studi mirati allo sviluppo di materiali “BIO”. Sulla base dei primi positivi riscontri, i biopolimeri possono ora essere impiegati per la realizzazione di contenitori monodose e multidose, per alimenti, cosmetici e prodotti per la cura e la salute della persona.

 

PERCHÉ USARE LE BIO-PLASTICHE?

Vantaggi per l’ambiente, vantaggi per i progetti “green” della tua azienda. A differenza delle plastiche tradizionali, il Polietilene Verde non è ottenuto dal petrolio, ma da etanolo ricavato dalla canna da zucchero. Il risultato? Una plastica unica, con stesse caratteristiche tecniche, aspetto e versatilità del polietilene tradizionale, ma molti altri punti di forza:

  1. È sostenibile - Le coltivazioni di canna da zucchero utilizzate per la produzione del Polietilene Verde soddisfano i più elevati standard di sostenibilità definiti nel Codice Etico di Braskem.
  2. È rinnovabile - Il Polietilene Verde è prodotto da etanolo derivato dalla canna da zucchero “no OGM” coltivata in Brasile, una materia prima rinnovabile.
  3. Riduce le emissioni di gas serra - La canna da zucchero cattura e fissa CO2 dall’atmosfera a ogni ciclo di crescita, contribuendo a contenere gli effetti negativi dei gas serra
  4. È 100% riciclabile - Il Polietilene Verde è riciclabile nella stessa catena di riciclo del polietilene tradizionale ottenuto da fonti fossili

Strip biobased

 

    La Bioplastica impiegata da Lameplast Group è I’M GREENTM POLYETHYLENE di Braskem, distribuito da FKuR Kunststoff GmbH.

     

    I'm green

     


    Per saperne di più su Polietilene Verde, Braskem e FKUR visita il sito ufficiale di FKUR. 

     
    Una nuova formula ad alta concentrazione di sodio ialuronato disponibile per la commercializzazione in private label
    In risposta alle richieste del mercato, Coc Farmaceutici ha messo a punto una nuova formulazione ad alta concentrazione di sodio ialuronato in grado di assicurare un rapido sollievo agli occhi secchi, irritati o stanchi. Il prodotto può essere concesso in distribuzione e personalizzabile con nome di fantasia e marchio del cliente.

    E’ disponibile in pratici contenitori monodose da 0,5 ml richiudibili oppure in flacone da 10 ml senza conservanti.

     
     
    Lameplast Group e Acticospack a Tg2 Dossier
    Un servizio andato in onda lo scorso 17 maggio racconta le tappe fondamentali del progetto e il ruolo di Lameplast al fianco di altre cinque aziende e due centri di ricerca europei

    Il 30 maggio 2012 i tecnici di Lameplast Group parteciparono telefonicamente a un incontro per definire la strategia del progetto “Acticospack”. Impossibile recarsi a Bruxelles: il giorno prima una forte scossa di terremoto aveva gravemente danneggiato lo stabilimento Lameplast di Rovereto ed era indispensabile mettere quanto prima al sicuro le persone, quel che rimaneva delle strutture e il futuro dell’azienda.

     

    Quella pronta reazione permise a Lameplast di non perdere il “treno” di Acticospack, come bene racconta un servizio andato in onda il 17 maggio scorso in una puntata di Tg2 Dossier dedicata all’Europa.

     

    Disponibile sul canale YouTube di Lameplast Group, il servizio descrive in breve le principali tappe e le prospettive del progetto Acticospack, condotto da cinque aziende e due centri di ricerca europei e finalizzato allo sviluppo di un packaging “attivo” che consenta di ridurre i livelli di conservanti nei cosmetici, sostituendoli con sostanze rilasciate gradualmente dal contenitore.

     

    Tg2 Dossier: Lameplast Group e il progetto Acticospack

    Lameplast sempre un passo avanti nell'innovazione tecnologica di processo
    Lameplast aumenta il grado tecnologico nella produzione di monodose nel settore Farmaceutico: la necessità di soddisfare le sempre crescenti esigenze di qualità totale da parte del mercato, hanno spinto il gruppo Lameplast allo studio di sistemi automatici di ottimizzazione dei processi attraverso controlli con azione immediata real time. L’esperienza è stata giudicata un Case History e riportata a pag.6 della rivista specializzata Hunstsoffe International, nel numero di giugno.

    Leggi l’articolo completo.
    Contenitori innovativi
    Strip da 5 a prezzo competitivo e impatto ambientale ridotto
    NUOVI SERVIZI DI RIEMPIMENTO
    Aumentano i prodotti oftalmici confezionati in multidose sterile OSD di Aptar
    Lameplast Group è membro di Acticospack: un consorzio di aziende creato per sviluppare packaging attivo in grado di ridurre o eliminare i conservanti dai prodotti cosmetici

    Oggi si fa largo uso di conservanti in un elevato numero di prodotti cosmetici, ma anche in alimenti e prodotti farmaceutici. I più comuni sono i parabeni, il cui impiego è attualmente molto controverso: dopo una attenta valutazione dei dati di sicurezza esistenti, i comitati scientifici europei ne hanno raccomandato la riduzione, lasciando intendere che la normativa cosmetica potrebbe metterli definitivamente al bando.
    Intanto, un numero sempre crescente di consumatori si sta orientando verso prodotti più naturali, proprio a causa dei numerosi dubbi legati alla sicurezza dei parabeni e degli altri conservanti sintetici. Sono queste le esigenze che hanno portato alla nascita del progetto ACTICOSPACK.


     
    ACTICOSPACK è un consorzio costituito da 5 aziende con provata esperienza nella fabbricazione di prodotti cosmetici e nello stampaggio di contenitori, tra cui Gruppo Lameplast. Sono coinvolti nel progetto anche due centri di ricerca che fungono da supporto per le attività ricerca avanzata. Il progetto è stato finanziato dal Seventh Framework Programme dell'Unione Europea e gestito dall’Agenzia esecutiva per la ricerca (REA),organismo di finanziamento della Commissione Europea per promuovere l'eccellenza nella ricerca e nell'innovazione.

     
    L’obiettivo di ACTICOSPACK è di sviluppare soluzioni innovative di packaging attivo per ridurre i livelli di conservanti nei prodotti cosmetici. Si tratta di contenitori “attivi” perché contengono al loro interno sostanze ad azione conservante: il conservante viene ceduto dalle pareti del contenitore al prodotto nella minima quantità sufficiente a garantire la conservazione del prodotto.
     
    
Il nuovo packaging consentirà quindi una significativa riduzione della quantità di conservante disciolto nel prodotto, ma con le stesse garanzie di qualità e sicurezza e con la possibilità di aumentare sensibilmente la shelf life del contenuto.
    Il progetto prevede lo sviluppo di contenitori “attivi” di PET, PP o HDPE da impiegare per lozioni solari, creme per la cura della pelle e shampoo. Ma i risultati ottenuti potranno trovare applicazione anche nel settore farmaceutico e alimentare.
     

     


     
     
     


    LAMEPLAST PER IL TERREMOTO
    Un video fotografico per ricordare i danni del sisma

    29 maggio 2013

    A un anno di distanza dalle terribili scosse che hanno colpito l’Emilia Romagna, i dipendenti di Lameplast Group hanno deciso di ricordare quei momenti realizzando un video-fotografico dedicato ai loro territori e a tutte le persone che li abitano.

    I lavoratori dell’azienda di Novi – duramente colpita da entrambe le scosse – hanno fin da subito reagito con determinazione, mettendosi a disposizione della proprietà per ogni decisione intrapresa. Una scelta che ha ripagato e ha permesso al gruppo di ripartire e garantire ai clienti le forniture già ordinate.

    Dopo un anno è arrivato il momento di fermarsi, riflettere e ricordare. Il video mostra l’accaduto ma aiuta anche a riflettere sulla prontezza con cui le comunità della Bassa modenese stanno tentando di rialzarsi. Tutto il gruppo ha voluto sostenere la ricostruzione pubblicandolo sul canale video e sito aziendale.

    Guarda il video.

    Lameplast Group e Cosmetics Solutions: una nuova partnership in America
    LF of America Corp, divisione del Gruppo Lameplast con sede negli Stati Uniti ha siglato importanti accordi commerciali con Cosmetic Solutions LLC di Boca Raton (Florida) per offrire nuovi servizi ai propri clienti: centralizzazione della produzione, confezionamento, riempimento e distribuzione specializzata.

    La partnership tra le due aziende offrirà la possibilità di fornire un vero e proprio servizio chiavi in mano, dalla produzione del pack al prodotto finito. I responsabili di Cosmetic Solutions si dichiarano entusiasti della collaborazione, in particolare per la possibilità di proporre servizi di riempimento per contenitori monodose. Secondo Mervyn Becker, Presidente della Cosmetic Solutions, l’alleanza permetterà di “aggiungere un ulteriore livello di servizio ai nostri clienti”. Il nuovo stabilimento di Cosmetic Solutions a Boca Raton, che si sviluppa su oltre 2500 metri quadrati, dispone di Clean Room ISO 8 e ambienti a contaminazione controllata.

    Diego Bulgarelli, sales manager di LF of America Corp., ha commentato così: "Per anni abbiamo cercato la giusta strategia per consolidare la presenza di confezioni monodose sul mercato americano. Abbiamo finalmente trovato in Cosmetic Solutions il partner ideale per affrontare il settore della cura personale con soluzioni chiavi in "mano".
    Anche Lameplast Group con Farmindustria al Pharmintech 2013
    Strategica sinergia tra le imprese del farmaco e il settore conto terzi per rispondere alla crisi
    22 Aprile 2013

    124mila addetti, pari a quelli dell’industria tessile, di cui 64mila altamente qualificati, e primo posto, fra i settori industriali italiani, per intensità di Ricerca & Sviluppo; ma ancora, secondo posto in Europa, dopo la sola Germania, per capacità produttiva e 40% delle aziende a capitale italiano; 2,4 miliardi di investimenti annui in impianti tecnologici e ricerca; 67% di esportazioni, rispetto a una produzione di 26 miliardi, e 174 fabbriche sul territorio.

    E’ la situazione descritta da Farmindustria, in occasione dell’incontro “Produzione di Valore. L’industria del farmaco: un patrimonio che l’Italia non può perdere”, tenutosi il 18 aprile, all’interno di Pharmintech 2013. Chiarissimo il significato di questa scelta: l’Italia ha bisogno di puntare sul farmaceutico e sul suo indotto per uscire dalla crisi (il solo indotto impiega circa 60mila persone e vanta un export che può raggiungere il 95% della produzione).

    Tra i rappresentanti delle aziende che operano nell’indotto per conto terzi, è intervenuto al dibattito anche Giovanni Ferrari, Presidente di Lameplast Group (nella foto): “ Tecnologia, know-how, competenza e servizio di qualità sono le caratteristiche di eccellenza del settore conto terzi in Italia: un patrimonio di grande valore che deve essere salvaguardato”.

     

    Il comunicato stampa diffuso da Farmindustria specifica ancora: “L’industria farmaceutica è un tutt’uno con il suo indotto hi tech. Il collante è dato dalla tecnologia che unisce le imprese del farmaco e quelle che producono macchinari, fiale, blister e tutto il necessario per la loro attività industriale”. I risultati dell’industria farmaceutica – sottolinea ancora la nota di Farmindustria – derivano anche da questo indotto. Un network che ha un valore superiore a quello delle due realtà prese separatamente. Le aziende dell’indotto, con le loro soluzioni hi tech, rappresentano parte importante dell’eccellenza delle imprese del farmaco grazie alla loro capacità di fare rete e alla loro competitività internazionale.
    TERRA FERMA – L’EMILIA SI RIALZA CON LA FORZA DELLE BUONE IDEE
    del 18 luglio 2012
    Lameplastgroup ha preso parte ad una iniziativa creata dalla agenzia di comunicazione Hic Adv di Reggio Emilia che ha sviluppato un sito a sostegno delle aree terremotate: www.terraferma-emilia.it (visita il sito).

    Uno spazio per raccontare le aziende che si rialzano e le loro "storie di ordinaria ricostruzione", per mettere a disposizione occasioni di confronto, spunti o idee tra imprenditori e lavoratori che reagiscono al terremoto con la forza delle idee.
    LAMEPLAST GROUP SOTTOSCRIVE IL "MANIFESTO DEL TERREMOTO INTELLETTUALE"
    del 15 luglio 2012
    Un manifesto redatto da intellettuali e industriali della provincia di Modena le cui aziende sono state duramente colpite dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, in collaborazione con la rivista "La città del Secondo Rinascimento".
    Un appello che dimostra la forza delle idee e il concreto impegno di tanti imprenditori perchè si possa tornare alla normalità nel più breve tempo possibile, abbattendo i lunghi tempi della burocrazia.

    Leggi il Manifesto del Terremoto Intellettuale e sottoscrivilo inviando una mail i tuoi dati anagrafici (nome, cognome, data e luogo di nascita, residenza) all'indirizzo indicato nel documento.
    DOPO IL TERREMOTO - RIPARTIAMO DA QUI
    del 28 giugno 2012
    Ad un mese dalla forte scossa di terremoto che ha colpito la nostra zona con conseguenze molto gravi, Lameplastgroup riparte ed è in grado di garantire nuovamente la produzione.

    I reparti produttivi sono già funzionanti mentre continuano i lavori di ristrutturazione e consolidamento dei rimanenti edifici aziendali che ripristineranno completamente le condizioni di lavoro in sicurezza per tutti i dipendenti.

    Il Presidente Giovanni Ferrari ha dichiarato: “Vinceremo anche questa battaglia: non abbandoneremo questa zona che è il motore economico e sociale dell’Emilia. Crediamo nel territorio, nella forza dei nostri collaboratori che sono rimasti in azienda anche nei giorni più difficili e nei clienti che hanno dimostrato di voler continuare a scegliere Lameplast Group come partner strategico”.
    TERREMOTO IN EMILIA
    del 04 giugno 2012

    Il 29.05.12 la ns. area è stata colpita da un'ulteriore scossa di terremoto dalle conseguenze purtroppo molto gravi per il territorio.

    Vogliamo rassicurare tutti i Clienti e Fornitori che il personale di LameplastGroup e relative famiglie si trovano in buone condizioni.

    COC Farmaceutici di Sant'Agata Bolognese
    La sede produttiva opera a pieno regime e non ha subito alcun tipo di danno trovandosi dislocata a 40 Km dall'epicentro del sisma. I dipendenti sono reperibili ai numeri di telefono soliti.

    Lameplast e la sede Health and Beauty di COC a Rovereto
    Alcuni dei nostri edifici aziendali hanno subito danni per i quali sono iniziate le azioni di ristrutturazione e consolidamento in modo da ripristinare condizioni di lavoro in sicurezza per tutti i dipendenti.

    Per ripristinare le condizioni di sicurezza per tutti i lavoratori, la direzione Lameplast prevede un fermo produttivo di circa 3 settimane che genererà ritardi rispetto alle nostre pianificazioni. Tale fermo avrà quindi effetto anche sulle produzioni di COC Farmaceutici
    le cui consegne dei prossimi due mesi potranno subire slittamenti.


    Nel corso delle prossime settimane vi informeremo con maggiore precisione rispetto a ordini aperti e date di spedizione.

    Per maggiori informazioni potete contattarci tramite e-mail o telefonicamente allo 059.673911

    Cogliamo l'occasione per ringraziare tutti coloro che ci hanno contattato in questi giorni per dimostrare la loro vicinanza.

    La Direzione

    STRIP MULTISTRATO: L’ULTIMA FRONTIERA DEL MONODOSE
    Una tecnologia innovativa messa a punto da Lameplast Group consente di utilizzare diversi materiali plastici all’interno di un singolo monodose. Per chi non si accontenta di un solo strato.
    Glass, Glam, Soft touch, Steam-proof, Total-block, Eco: arriva la nuova squadra di strip multistrato sviluppati da Lameplast Group, l’avanguardia nel settore dei contenitori monodose. Dopo diversi anni di ricerche, i laboratori R&D sono finalmente in grado di sfruttare al meglio diverse materie plastiche (tra cui polietilene e polipropilene) e di associarle ad altri polimeri plastici.

    Il multistrato apre nuove, interessanti opportunità per esibire e proteggere i prodotti del settore farmaceutico, cosmetico e dei dispositivi medici. A differenza dei normali strip monostrato, i multistrato sono forniti di uno strato esterno - ed eventualmente di uno intermedio – in aggiunta allo strato interno a contatto col prodotto. Ogni strato può essere scelto in base a specifiche esigenze di marketing, ad esempio per aumentare le proprietà barriera, per migliorare la comprimibilità del monodose o per giocare con le tonalità senza interferire con il contenuto.

    Attualmente disponibili nella versione da 1 ml e 3 ml non richiudibili, i nuovi contenitori Lameplast sono adatti a contenere ogni tipo di prodotto, liquidi, creme o gel. La geometria del monodose e lo spessore degli strati possono essere sottoposti a ulteriori personalizzazioni. La produzione viene effettuata in ambiente ISO 8, in clean room classe 100.000 (particelle/ft³) at rest - 3.520.000 (particelle/m³) in operation (in accordo con UNI-EN-ISO 14644-1). Durante tutto il processo vengono eseguiti controlli rigorosi, per assicurare la qualità di sempre moltiplicata per tre stati.


    Sei diverse possibilità di conservare ed esibire il tuo prodotto

    -  Glass: estremamente trasparenti per esaltare il contenuto.

    -  Glam: personalizzabili con colorazioni standard o con tonalità moda (colorante applicato solo sullo strato esterno, per evitare che entri a diretto contatto del prodotto).

    -  Soft touch: morbidissimi e gradevoli al tatto, facilmente comprimibili fino allo svuotamento completo del prodotto.

    -  Steam-proof: realizzati con materiali resistenti alla sterilizzazione in autoclave (121°C per 20 minuti), senza compromettere la comprimibilità del monodose.

    -  Total-block: strip indicati per prodotti che necessitano di una elevata protezione. Ottime proprietà barriera al vapore acqueo e ai gas: una valida alternativa alla busta di alluminio.

    -  Eco: strip a ridotto impatto ambientale indicati per prodotti naturali o organici. Realizzati con uno strato esterno in materiale plastico riciclato e uno strato interno a contatto col prodotto in PE vergine di primissima qualità; colorazione coprente sullo strato esterno, per un maggiore effetto estetico.


     
    UN NUOVO STABILIMENTO DEDICATO AI PRODOTTI STERILI
    Lameplastgroup amplia i servizi offerti grazie alle nuove linee ad alta automazione.
    Tra le prime realtà industriali a sperimentare e a produrre in serie i contenitori monodose, Lameplast ha scelto di crescere puntando costantemente su questo packaging evoluto e personalizzabile, capace di garantire al contenuto purezza e freschezza ed eliminando l’uso dei conservanti.

    Dal 2012, per ampliare ulteriormente il servizio offerto, è operativo il nuovo reparto per riempimento di monodose sterili che potrà ospitare fino a 6 linee completamente automatizzate e ad alta produttività. Gli ambienti del nuovo reparto Medical Devices, costruito a fianco dello stabilimento COC Farmaceutici Health & sono realizzati con le migliori tecnologie per il risparmio energetico e per ridurre al minimo l’impatto ambientale.



    Operante in accordo con le GMPs e certificata ISO 13485, C.O.C. Farmaceutici è un contract manufacturer evoluto, in grado di realizzare e confezionare in packaging monodose sterili e no e di varia natura per la cura della persona e dispositivi medici, garantendo gli stessi livelli di qualità e sicurezza dei farmaci, a tutto vantaggio della qualità dei processi e del prodotto.

    Il Gruppo Lameplast è in grado di offrire un servizio di produzione full-service in conto terzi, ma anche una linea completa di dispositivi medici ad uso oculare personalizzabili con grafica e marchio del cliente e commercializzabili in tutti i paesi della UE e all’estero. Per chi cerca una consulenza completa, il dipartimento R&D è specializzato nel seguire il cliente dalla prima idea al prodotto finito, con servizi di sviluppo di contenitori innovativi o personalizzati e assistenza regolatoria. La soluzione migliore per chi è alla ricerca di un servizio completo.
    Lameplastgroup sponsor della Fondazione Casa Enzo Ferrari e Museo di Modena
    Grande Inaugurazione a Modena, sabato 10 Marzo 2012
    Sabato 10 marzo 2012 sarà inaugurato a Modena il Museo e Casa natale Enzo Ferrari di cui fanno parte la casa natale in cui il grande costruttore nacque nel 1898 ed una avveniristica galleria espositiva in alluminio giallo progettata dal celebre studio londinese Future Systems (e dal famoso architetto Jan Kaplicky) dalla avveniristica sagoma di cofano d’auto.
    L’allestimento espositivo comunicherà al visitatore il mito della velocità, nonché il coraggio, la passione e la determinazione che hanno caratterizzato al vita di Enzo Ferrari: un uomo che ha creato un marchio sinonimo in tutto il mondo di bellezza, prestigio e tecnologia. Nella nuova galleria le auto saranno esposte su piedistalli come vere e proprie opere d’arte e mostre tematiche sull’automobilismo sportivo renderanno la visita sempre nuova e stimolante.

    Il Gruppo Lameplast, per celebrare le grandi eccellenze che hanno portato prestigio all’Italia e alla nostra realtà locale ha deciso di aderire alla Fondazione casa Natale di Enzo Ferrari e una targa con il logo del gruppo è stata collocata in modo permanente all’ingresso della casa natale di Enzo Ferrari.

    Il Museo Casa Enzo Ferrari si trova in Via Paolo Ferrari, 85, a Modena

    Per ulteriori dettagli guarda il sito della Fondazione Casa Natale Enzo Ferrari e del Museo Casa Enzo Ferrari.

    Nuova certificazione per prodotti cosmetici
    Certificazione Ecocert Greenlife Francia per la divisione Health & Beauty di C.O.C. Farmaceutici
    Sempre più aziende cosmetiche oggi sono allettate dalla possibilità realizzare Prodotti Naturali o Organici, ampliando la gamma e la tipologia della propria offerta. In molti casi, scegliere di immettere sul mercato un prodotto Naturale od Organico può rappresentare una scelta strategica, che si lega alle sue reali qualità ma anche ai canali di distribuzione e all’immagine che si intende costruire su di esso. Una tendenza alla quale C.O.C. Health & Beauty, in quanto contract manufacurer evoluto, si accosta con il massimo grado di responsabilità.

    COC Farmaceutici divisione Health & Beauty è stata recentemente certificata dalla Ecocert Greenlife francese per la produzione e il confezionamento di prodotti cosmetici in accordo con gli Standard definiti per la fabbricazione di prodotti Naturali e Organici. La certificazione di Ecocert Greenlife Francia è un altro importante verso la qualità e arriva a conferma di un percorso di attenzione ai processi e ai prodotti, cominciato già da venti anni all’interno di Lameplast Group.

    “La nostra strategia è affrontare il mondo dei Cosmetici con gli stessi criteri produttivi adottati in ambito farmaceutico”, dice Federica Rossi, Direttore Tecnico di C.O.C. divisione Health & Beauty “Le produzioni sono diverse, ma il modo in cui C.O.C. Health & Beauty affronta le lavorazioni è identico. La certificazione ottenuta, rappresenta un reale vantaggio in termini di qualità dei processi e del prodotto offerto ai clienti francesi ma anche a tutti gli altri clienti.
    Lameplastgroup sponsor ufficiale della LIU-JO Volley, in serie A1, per la stagione 2011/2012


    Lameplastgroup sarà Official Sponsor di LIU•JO Volley, squadra partecipante al campionato di serie A1 e Coppa Italia Pallavolo femminile 2011-2012. Dopo la promozione alla massima serie del volley italiano della stagione 2009/2010 e dopo avere disputato i play-off scudetto fino ai quarti di finale nella passata stagione, la squadra carpigiana, modenese di adozione, si prepara all’avvio del campionato con numerose giocatrici di grande talento tra cui uno dei colpi di mercato dell’estate: Tai Aguero, campionessa italo-cubana vincitrice di mondiali e Olimpiadi. E' considerata da tutti la piu forte giocatrice del mondo. Il campionato avrà inizio il 9 ottobre.
    Per ulteriori dettagli: http://www.volleymodena.com/
     leggi il comunicato stampa
    NUOVI SERVIZI DI RIEMPIMENTO
    Aumentano i prodotti oftalmici confezionati in multidose sterile OSD di Aptar
    Il settimanale Panorama dedica un articolo a Lameplast Group
    Intervista al Presidente Giovanni Ferrari

    Il numero 42 di Panorama, del 21 ottobre 2015 ha dedicato un articolo al Gruppo Lameplast. “Un movimento del polso, un po’ di pressione e la confezione di farmaco monodose si apre con una sola mano”. Così si apre il pezzo (intitolato “Monodose di successo”) che riporta un’intervista a Giovanni Ferrari, Presidente del Gruppo che nel 2016 festeggerà i 40 anni di attività. Ferrari racconta come il Gruppo  – che ha un fatturato di 50 milioni di euro, conta 290 dipendenti, 3 stabilimenti e 45 linee produttive – sia riuscito a crescere costantemente grazie alla innovazione continua. “E pensare che tutto comincia quasi 50 anni fa – dichiara Ferrari a Panorama –, quando l’azienda in cui lavoravo ha chiuso e mi sono messo a fabbricare macchinari per il settore farmaceutico”. “Poi – continua Ferrari – ho scoperto che le aziende farmaceutiche avevano un gran bisogno di confezionamento in ambiente a contaminazione controllata, ma allora nessuno lo faceva”.  E dopo 40 anni di attività e milioni di contenitori venduti in tutto il mondo, quale sarà la prossima innovazione? “Un materiale innovativo ad effetto barriera – conclude Ferrari”.

    Il settimanale Panorama dedica un articolo a Lameplast Group
    Intervista al Presidente Giovanni Ferrari

    Il numero 42 di Panorama, del 21 ottobre 2015 ha dedicato un articolo al Gruppo Lameplast. “Un movimento del polso, un po’ di pressione e la confezione di farmaco monodose si apre con una sola mano”. Così si apre il pezzo (intitolato “Monodose di successo”) che riporta un’intervista a Giovanni Ferrari, Presidente del Gruppo che nel 2016 festeggerà i 40 anni di attività. Ferrari racconta come il Gruppo  – che ha un fatturato di 50 milioni di euro, conta 290 dipendenti, 3 stabilimenti e 45 linee produttive – sia riuscito a crescere costantemente grazie alla innovazione continua. “E pensare che tutto comincia quasi 50 anni fa – dichiara Ferrari a Panorama –, quando l’azienda in cui lavoravo ha chiuso e mi sono messo a fabbricare macchinari per il settore farmaceutico”. “Poi – continua Ferrari – ho scoperto che le aziende farmaceutiche avevano un gran bisogno di confezionamento in ambiente a contaminazione controllata, ma allora nessuno lo faceva”.  E dopo 40 anni di attività e milioni di contenitori venduti in tutto il mondo, quale sarà la prossima innovazione? “Un materiale innovativo ad effetto barriera – conclude Ferrari”.

    Lameplast, 40 anni tra ricerca e innovazione
    Il 27 maggio l’azienda ha festeggiato il suo anniversario con le autorità, i clienti internazionali e dipendenti a Rovereto sulla Secchia  
    P { margin-bottom: 0.21cm; }

    Venerdì 27 maggio Lameplast ha festeggiato i suoi primi 40 anni con un grande evento che ha raccolto i soci fondatori – Giovanni Ferrari, Evro Fabbri e Antonio Fontana –, le autorità, i dipendenti e i numerosi clienti internazionali nella sede a Rovereto sulla Secchia. Un appuntamento che è stata l’occasione per ricordare la nascita dell’azienda, un’esperienza che, grazie all’intraprendenza dei soci fondatori – Giovanni Ferrari, Evro Fabbri e Antonio Fontana –, ha saputo portare innovazione e l’eccellenza del Made in Italy nel mondo. In mattinata, dopo il saluto del presidente di Lameplast Giovanni Ferrari, sono intervenuti il presidente della Regione Stefano Bonaccini, il sindaco di Novi di Modena Luisa Turci, il presidente di Confindustria Modena Valter Caiumi e il sindaco di Sant’Agata Bolognese Giuseppe Vicinelli.

    “Siamo nati 40 anni fa – ha detto Ferrari – e per noi questa è una giornata importante. Festeggiamo una storia che sono orgoglioso di condividere con i miei soci e con tutte le maestranze. Sono passati anche quattro anni dal terremoto e oggi possiamo ben dire di essere riusciti a far fronte a questo difficile momento: dopo solo un mese dal sisma abbiamo ripreso la produzione e abbiamo continuato a credere di poter crescere”.

    E proprio sul sisma del 2012 e sulla capacità di reazione delle aziende emiliane si è soffermato il presidente della Regione Bonaccini. “Il terremoto del 2012 – ha detto – ha colpito decine di migliaia di case, chiese, scuole, edifici pubblici e capannoni industriali. È stato il primo terremoto economico della storia d’Italia: mai era successo che in un solo territorio venissero colpite così tante imprese. Credo che Lameplast sia stata la ‘dimostrazione plastica’ di due cose: di come una piccola azienda nata nel territorio sia stata capace di essere la testimonianza diretta di quelli che sono stati definiti i miracoli emiliano-romagnoli, di un’azienda che ha saputo continuare ad essere legata al territorio, a fare le cose per bene, diventare eccellenza non solo qui ma anche nel mondo”.

    Le autorità hanno poi visitato lo stabilimento Lameplast dove è nato il famoso contenitore monodose ad uso farmaceutico. La giornata è poi proseguita con un pranzo evento a Villa Tagliata (Mirandola) con la proiezione di un video dedicato ai 40 di Lameplast e l’intervento del presidente del Gruppo terzisti di Farmindustria Giorgio Bruno.

    Lameplast, 40 anni tra ricerca e innovazione
    Il 27 maggio l’azienda ha festeggiato il suo anniversario con le autorità, i clienti internazionali e dipendenti a Rovereto sulla Secchia
    Venerdì 27 maggio Lameplast ha festeggiato i suoi primi 40 anni con un grande evento che ha raccolto i soci fondatori – Giovanni Ferrari, Evro Fabbri e Antonio Fontana –, le autorità, i dipendenti e i numerosi clienti internazionali nella sede a Rovereto sulla Secchia. Un appuntamento che è stata l’occasione per ricordare la nascita dell’azienda, un’esperienza che, grazie all’intraprendenza dei soci fondatori – Giovanni Ferrari, Evro Fabbri e Antonio Fontana –, ha saputo portare innovazione e l’eccellenza del Made in Italy nel mondo. In mattinata, dopo il saluto del presidente di Lameplast Giovanni Ferrari, sono intervenuti il presidente della Regione Stefano Bonaccini, il sindaco di Novi di Modena Luisa Turci, il presidente di Confindustria Modena Valter Caiumi e il sindaco di Sant’Agata Bolognese Giuseppe Vicinelli.
    “Siamo nati 40 anni fa – ha detto Ferrari – e per noi questa è una giornata importante. Festeggiamo una storia che sono orgoglioso di condividere con i miei soci e con tutte le maestranze. Sono passati anche quattro anni dal terremoto e oggi possiamo ben dire di essere riusciti a far fronte a questo difficile momento: dopo solo un mese dal sisma abbiamo ripreso la produzione e abbiamo continuato a credere di poter crescere”.
    E proprio sul sisma del 2012 e sulla capacità di reazione delle aziende emiliane si è soffermato il presidente della Regione Bonaccini. “Il terremoto del 2012 – ha detto – ha colpito decine di migliaia di case, chiese, scuole, edifici pubblici e capannoni industriali. È stato il primo terremoto economico della storia d’Italia: mai era successo che in un solo territorio venissero colpite così tante imprese. Credo che Lameplast sia stata la ‘dimostrazione plastica’ di due cose: di come una piccola azienda nata nel territorio sia stata capace di essere la testimonianza diretta di quelli che sono stati definiti i miracoli emiliano-romagnoli, di un’azienda che ha saputo continuare ad essere legata al territorio, a fare le cose per bene, diventare eccellenza non solo qui ma anche nel mondo”.
    Le autorità hanno poi visitato lo stabilimento Lameplast dove è nato il famoso contenitore monodose ad uso farmaceutico. La giornata è poi proseguita con un pranzo evento a Villa Tagliata (Mirandola) con la proiezione di un video dedicato ai 40 di Lameplast e l’intervento del presidente del Gruppo terzisti di Farmindustria Giorgio Bruno.